mercoledì 10 luglio 2019

Progetti blockchain: 7 errori da evitare

I progetti di blockchain di successo richiedono ai CIO di essere consapevoli delle capacità e dei limiti della tecnologia, secondo Gartner.
Risultati immagini per blockchain errori
L'hype sulla tecnologia blockchain sta finalmente svanendo, e mentre l'interesse per la tecnologia del registro distribuito rimane elevato, poche aziende lo stanno effettivamente implementando, secondo una recente ricerca di Gartner. Solo l'11% dei CIO ha implementato o sta pianificando a breve termine con blockchain, secondo Gartner, in parte perché la maggior parte di questi progetti non supera la fase iniziale di sperimentazione.
"Blockchain sta attualmente scivolando verso il Trough of Disillusionment nell'ultimo Hype Cycle for Emerging Technologies di Gartner", ha detto Adrian Leow, direttore senior della ricerca di Gartner in un comunicato stampa del mercoledì. "Il mercato delle piattaforme e delle tecnologie blockchain è ancora in fase di sviluppo e non vi è alcun consenso del settore su componenti chiave come il concetto di prodotto, il set di funzionalità e i requisiti delle applicazioni principali. Non ci aspettiamo che ci sarà una singola piattaforma dominante nei prossimi cinque anni ".

Per avviare un progetto di blockchain di successo, i CIO devono comprendere i più comuni punti di errore. Ecco i sette errori più comuni che le aziende fanno nei progetti blockchain e come evitarli.
Incomprensione o abuso della blockchain
La maggior parte dei progetti blockchain vengono utilizzati per registrare i dati sulle piattaforme blockchain tramite la tecnologia DLT (decentralized ledger technology). Sebbene questa sia una funzione della blockchain, ignora le altre sue caratteristiche critiche, tra cui consenso decentralizzato, tokenizzazione e contratti intelligenti.
"DLT è un componente della blockchain, non dell'intera blockchain. Il fatto che le organizzazioni utilizzino così raramente il set completo di funzionalità blockchain induce a chiedersi se hanno persino bisogno di blockchain ", ha affermato Leow nel comunicato. "Va bene iniziare con DLT, ma la priorità per i CIO dovrebbe essere quella di chiarire i casi d'uso per blockchain nel suo complesso e passare a progetti che utilizzano anche altri componenti blockchain."
Supponendo che la tecnologia sia pronta per l'uso produttivo
Il mercato emergente della piattaforma blockchain è sempre più ampio e frammentato, ha osservato Gartner. I venditori si concentrano su tutto, dalla riservatezza alla tokenizzazione, fino al computing universale, nel tentativo di differenziarsi dai clienti. Tuttavia, la maggior parte rimane troppo immatura per lavori di produzione su larga scala, la ricerca ha trovato. I CIO devono tenere d'occhio il mercato per monitorare queste piattaforme man mano che si evolvono nei prossimi anni e modificare di conseguenza le tempistiche dei progetti di blockchain, ha raccomandato Gartner.
Confondere un protocollo con una soluzione aziendale
Blockchain è una tecnologia di livello base - mentre può essere utilizzata in diversi settori per diverse situazioni, non è un'applicazione completa, ha affermato la ricerca. Ad esempio, deve includere anche funzionalità come interfaccia utente, logica aziendale, persistenza dei dati e meccanismi di interoperabilità.
"Quando si parla di blockchain, c'è il presupposto implicito che la tecnologia a livello di base non sia molto lontana da una soluzione applicativa completa. Questo non è il caso ", ha detto Leow. "Aiuta a vedere blockchain come un protocollo per eseguire una determinata attività all'interno di un'applicazione completa. Nessuno presumerebbe che un protocollo possa essere l'unica base per un intero sistema di e-commerce o un social network. "
Visualizzazione blockchain puramente come un database o meccanismo di archiviazione
La tecnologia Blockchain è progettata per fornire un record immutabile e affidabile tra un certo numero di parti non attendibili, non come un gestore di database, ha osservato Gartner. Attualmente, blockchain non implementa il modello "crea, leggi l'aggiornamento, elimina" usato nei gestori di database convenzionali - solo "creare" e "leggere" sono supportati.
"I CIO dovrebbero valutare i requisiti di gestione dei dati del loro progetto blockchain", ha detto Leow nel comunicato. "Una soluzione di gestione dei dati convenzionale potrebbe essere l'opzione migliore in alcuni casi."
Supponendo che esistano standard di interoperabilità
Poiché la maggior parte delle piattaforme blockchain sono ancora in fase di sviluppo, l'interoperabilità con altre blockchain non è ancora del tutto possibile, ha rilevato la ricerca. I CIO dovrebbero rivolgersi ai fornitori che discutono l'interoperabilità con cautela in questo momento.
"Non selezionare mai una piattaforma blockchain con l'aspettativa che funzionerà con la tecnologia del prossimo anno da un altro fornitore", ha affermato Leow nel comunicato.
Supponendo che la tecnologia del contratto intelligente sia un problema risolto
I contratti intelligenti sono una delle funzionalità più potenti abilitate dalla blockchain. Tuttavia, esistono ancora molte sfide in termini di scalabilità e gestibilità di questi contratti, ha osservato Gartner. I CIO dovrebbero avviare piccoli esperimenti con la tecnologia smart contract per iniziare, poiché cambierà significativamente nei prossimi due o tre anni, ha affermato la ricerca.
Ignorare i problemi di governance
Le blockchain pubbliche richiedono la governance dei CIO, ha osservato il report, mentre la governance per blockchain privati ​​e autorizzati viene in genere gestita dal proprietario della blockchain.
"La governance in blockchain pubblici come Ethereum e Bitcoin è principalmente finalizzata a problemi tecnici. I comportamenti umani o la motivazione sono raramente indirizzati ", ha detto Leow nel comunicato. "I CIO devono essere consapevoli del rischio che i problemi di governance della blockchain possano rappresentare un problema per il successo del loro progetto. Specialmente le organizzazioni più grandi dovrebbero pensare di unire o formare consorzi per aiutare a definire modelli di governance per la blockchain pubblica ".

Nessun commento:

Posta un commento